Take me to church

Every Sunday’s getting more bleak
A fresh poison each week
“We were born sick”, you heard them say it
(Hozier-Take Me To Church)

“Ti han detto cos’e’ il bene e
ti han spiegato il male
si sappia regolare
prima o poi c’e’ l’aldilà”
(LL – Vivo, morto o X)



Communion Day 2021.
Being mothers with notions, and thinking about the meaning of this day, we ended up observing:

  1. The different degrees of importance with which people respect “Catholic rules”. For us: you are in or out. Middle way is being hypocritical. And, admittedly, we all have been at some stage, somewhat. We are today, sitting there just “for the sake of our kids”, because the school in this place is so entangled with the church that pulling them away from their peers would probably made more damage than letting them hear all those stories. Or at least, this is what I’m trying to convince myself of. I presume the teaching of “forgiveness” works to my side. I didn’t burn. Holy cow my angel must be a pro.
  2. The hands-on knowledge that living in a Country neighbouring the Vatican offers you on what really happens there. I might not know how many angels are painted on the Sistin Chapel, but I do know that, not far away from there, handsome hot guys (like the one in the pic) pose for the “Priests Calendar”. This fact sparked a notable interest among my amazed friends. Might need to order a bulk of artwork for the season 2022.
  3. “J.G.’s bread legend”. Story tells the bread is disgusting only if it’s not blessed. When it’s ointed, instead, it should taste yummy. I won’t go into details. N. commented “I’ll never think of the bread in the same way ever again”. That’s right, me neither.
  4. The ego-booster #1: heck, we are pretty good-looking mums indeed. And, also, we don’t look like grannies. Even when we are dating toy-boys.
  5. The ego-booster #2: I felt awesome. But it’s simply manners. When I saw nothing was happening I put my smile on and I shook hands. My bravery will be returned by Karma at Confirmation day. I am sure of that. Official boyfriend of the future, stay ready.

When the grown ups turn to collect their bread arrived, I sat quietly on my bench.
Baby looked at me saying ‘why don’t you go’. I thought, after all the conversations we had, he kinda knew.
But apparently I owe more explanations.
He said ‘well, whatever, I wanna go to Heaven’. I’m sure he’ll figure it out on its own one day.
Man-made religion is a clever engineered way to control people by instilling fear in them.
And churchyards are a great place to arrange your deeds.

Amen.

Pubblicità

PornStar Martini

Giovedì sera.
Finisco di lavorare tardino, l’ex e’ in ritardo sulla tabella di marcia, ed e’ stata una settimana faticosa.
Arrivo venti minuti dopo all’appuntamento con le amiche, e vi giuro che non e’ da me ma la prima cosa che dic loro e’:
“Voglio tre birre, una bottiglia di vino, e un paio di vodka”.
Per fortuna abbiamo sale in zucca, il giorno dopo lavoriamo, ed e’ pizza night. Cioè – non solo alcol.
Scelta: classic margherita, pepperoni or chicken. Quantaaaa sceltaaaa.
Salamello? Ma che importa, ma che bello, qui stasera il top e’ il vinello. E in fondo stiamo qui per i cocktails.

Emergono i gossip di attualità: non sono l’unica ad avere notato lo ‘stay-home-daddy’ che tutti i giorni va a prendere i suoi figli a scuola. Sara’ che e’ l’unico senza macchinone e l’unico, in una mandria di uomini tutti fatti con lo stampino, con il fascino alternativo. Codino, pizzetto, collanina di legno e una sorta di aura di pace.
Se ti parla e’ sempre estremamente gentile, e quando abbraccia i suoi figli stretto stretto irradia tantissima tenerezza.
Sara’ la chioma grigio-bianca.
Una volta, parlando di Ed Sheeran (mio figlio e’ fan), ho confessato a mio figlio che si, i rossi mi potrebbero anche piacere, ma ancora di piu’ quelli con i capelli come il babbo ‘zen’. Mi ha risposto che per me lui e’ troppo vecchio, che crede che non sia il padre, ma il nonno di quei ragazzini. Poi mi ha guardato dicendo che proprio non capisce i miei gusti: non mi ha visto in macchina con un moro forse? Quello pare babbo natale (in versione secca) dice.
Poi pero’ nella speranza di accattarmi un fidanzato, una mattina di queste, mentre parcheggiavamo vicino (fato vuole che l’unico spazio libero quando arrivo io e’ quasi sempre accanto alla vettura del babbo natalzen) si mette quasi ad urlare “mum, look….. are you in love with him?”.
Con il preside della scuola a due metri. Beviamoci su.

L’amica svela che la figlia sta in classe con la sua, e sa pure dove abitano.
Dopo due vodka’n’diet coke propone una spedizione al suo bungalow, un giorno, usando la sua piccola come esca… progetta il tutto step by step. Dice che dobbiamo scoprire se sta con la madre dei bambini, perché qualcosa le puzza.
Io mi diletto col mio dolce PornStar Martini e ricordo alle amiche tra i commentini e i complimenti solo una cosa:
di starsene buone, non essere avide, che qua sono io l’unica smaritata. E ho la precedenza.

Di pane e acqua

Bread = pane = non c’e’ un nome in inglese per chiamare l’ostia?

La prima conversazione dopo aver preso il pupo a scuola:
“Mamma, sai oggi abbiamo fatto le prove”
“(elabori)?”
“…non ho mai saputo di cosa sapesse il cartone prima d’ora!!!”
“?”
“Il pane, il pane mamma!!!! Fa davvero schifo. E anche quando sara’ benedetto, il sapore rimane uguale, semplice! Io non voglio piu’ mangiare il cartoneeeeeee. Mamma e’ disgustoso!”
Con tutto il rispetto per i credenti, io non ho avuto obiezioni.

Un secondo dopo:
“Mamma lo sai che oggi M. ha bevuto l’acqua della chiesa dove fanno la pipi’ i neonati e il bagno gli uccellini?… perche’ mai un’acqua cosi schifosa te la spruzzerebbero addosso i preti?”.

Piccoli atei crescono.
E non c’e’ nemmeno il mio zampino.

How to get over a break up

Oggi il lunch break porta alla memoria un film che ho visto appena mi sono trasferita qui dentro.

Un film leggero che mi ha fatto ridere un sacco,
e piaciuto anche.
Soprattutto la fine (troppo femminista? Nahh).
Avvertenza: se non volete spoiler non leggete qua sotto. (O non traducete).

“Porque nos has ensenado que somos la princesa del cuento,
pero lo cierto es que también podemos ser la hada madrina si una amiga necesita nuestra ayuda,
el genio de la lampara cuando intentamos cumplir con todas las expectativas a la vez,
y sobre todo toca ser también el principe azul,
porque princesa che se respeta, se rescata sola”
(Soltera Codiciada)

Me and my boyfriends

Comments of the day: “mum why don’t you look for a boyfriend with a lambo?”.
Avrei potuto rispondere come questa sopra, ma invece ci tengo a spiegargli che non e’ il price tag l’importante.
“Yes, but mummy you’re an hippie”.
(E lasciamo stare i nervi che salgono quando ripete ste cose, farina del sacco altrui).

Il prossimo fidanzato, caro, Robin Hood.
Che il cavallo e’ originalmente unbranded, e fa molto piu’ romantico.



Dacci oggi il nostro pane

Manca una settimana e non sono assolutamente pronta a vedere il mio figliolo conciato come un mini-marito.
Si, perche’ la comunione qui la fanno ancora addobbati (non trovo un termine abbastanza rappresentativo), tipo i modelli qua sopra – e per fortuna che non ho una figlia. Una cosa che da noi si usava negli anni 70….mi ricorda la foto della Comunione di mia mamma.
Dell’abito se ne e’ occupato suo padre – con mio grande sollievo, perche’ mio figlio qua e’ cresciuto e ci tiene, ma tutto questo inno all’apparenza a me fa venire davvero il vomito.

Io che nemmeno sono religiosa mi inalbero perche’ pare tutto tranne che un sacramento.
E il vestito bello, e la festa, e i soldi….. per me il solito ‘tutto fumo e niente arrosto’. L’ipocrisia a cavallo.

L’altro giorno il piccolo era con un compagno.
Io tento un:
“Ragazzi, ma almeno sapete che significa quello che state per fare?” (glielo dovrebbero spiegare a scuola).
“No, ma Gesu’ e’ gia’ morto e dunque non capiamo come sia possibile masticarlo”.

Stamattina eravamo da amici.
Amichetta, un anno in piu’ della mia belva:
“Ma guarda che il pane della comunione non e’ mica buono”.
La mia belva: “Ah”.
Deluso.
Io da profana me la racconto cosi’: almeno mantiene anche il suo 50% Italiano.
Vuole andare in chiesa figo, ma si preoccupa pure che si mangi bene.

Mi perdonino da lassu’.

Warning

PMS = Provaci, muori subito

E’ scientificamente provato che non bisogna MAI togliere il cioccolato a una donna in preda ai suoi ormoni.

I più furbi accettano questa verità senza criticare e sopravvivono.
Altri provano a dirti che se hai mangiato un muffin a colazione, cinque biscotti a merenda e una torta dopocena forse non e’ il caso di fare lo spuntino di mezzanotte a base di Nutella. Non gli e’ mai stato detto quanto rischino la vita. Farebbero meglio ad intenderlo da soli se ci tengono alla loro pelle.

Per fortuna poi ci sono le donne, meravigliose. Che in simbiosi da ferormoni intendono.
Ti piazzano davanti un vaso pieno di cioccolatini, jellies, Cardbury e caramelle varie.
Ti dicono che se vuoi puoi anche mangiarli tutti, di non fare complimenti.

Tu scegli noccioline e cioccolato al latte.
Dopo esserti scofanata mezza pizza con la ‘nduja.

Queste sono le amiche.
E pure una semplice serata sul divano diventa la serata perfetta.
Nonostante la faccia cencio, lo stomaco gonfio, il seno indolenzito che ti rammenta che dopo tutto ce l’hai pure te anche se non ci credi.

Torni a casa guidando con la strada illuminata dalla luna.
E tutto e’ meravigliosamente in pari.

The Sequel

Il CCCE ci ha tenuto ad informarmi tramite missiva elettronica (tra informazioni di servizio e lista di cibi che e’ riuscito a propinargli) che mio figlio non ha fatto alcun commento, o domande sul mio presunto ‘boy-friend’.
Scrive “sarai felice di sapere che..”. Why o’ why.
Ovviamente non poteva aspettare di dirmelo a quattr’occhi, doveva essere fondamentale probabilmente che si sincerasse io sapessi lui sapesse – cose che non sa. E subito.

Sara’ un giovedì divertente, a spiegare a un novenne cose – spero soltanto non ci rimanga troppo male quando carpira’ che le cose che credeva di sapere non sono come pensa.

In attesa del suo ritorno, io intanto, mangio pane e salame.