T come Tag

Ad Ali e Ale,che anche se e’ una dedica e non vi piace,non potevo fare altrimenti. “Chiara come un abc” Bella / Lorenzo Cherubini Alice Spiga  mi ha invitata a partecipare al gioco “T come TAG” lanciato dal blog Il mondo di Shioren.Le regole da seguire sono poche e semplici e le trovate nell’articolo T come Tag di Shio76 (io hoContinua a leggere “T come Tag”

Pubblicità

In questa citta’

“Anche quando vorrei dare un calcio a tutto sa,farsi bella e presentarsi col vestito buono,e sussurarmi nell’orecchio che si aggiusterà”(In questa città – Max Pezzali) Ogni volta che riparto dalla città in cui non abito mi frullano in testa duemila pensieri.Spaziano. Dai piu’ insulsi ai piu’ importanti. Dai piu’ stupidi, a quelli di sopravvivenza naturale.Continua a leggere “In questa citta’”

Cicoria RIP

Io ora, comprendo, che essendo qui state create le Zeppole, come mille milioni di altre cose buone, uno non dovrebbe lamentarsi del resto.Le zeppole pero’ sono state inventate dall’uomo, la Cicoria da dio, Darwin, o chi per loro.Quando al pageant contest Imperiale di tutti i vegetali possibili la Cicoria si e’ presentata, deve avere pagatoContinua a leggere “Cicoria RIP”

Gli spaghetti non si spezzano!

In un Universo dove le lasagne si servono nello stesso piatto con le chips, commettere un crimine del genere mi sembrava il male minore.Lo faccio inconsciamente, da quando ho avuto un figlio, inizialmente era un’idea per non soffocarlo, poi e’ diventata un’abitudine. Una cosa che faccio senza accorgermi, ma solo a casa mia.Nessuno me l’haContinua a leggere “Gli spaghetti non si spezzano!”

Lo scrutatore non votante

“Si è comperato un mangiacarte / per sbarazzarsi della verità” È risaputo da ogni buon cittadino vivente troppo a lungo all’estero che ogni tanto capita di fare strafalcioni plateali nella propria lingua madre. Mi era meno palese che si potessero fare ‘strafalcioni’ anche nel proprio dialetto, mischiandolo inconsapevolmente a espressioni di origine non a kmContinua a leggere “Lo scrutatore non votante”

Sogni di rock n roll

Io ho sempre detto che da piccola volevo fare il pirata, non la principessa. Quando giocavo con le Barbie, Ken non era mai il mio marito… al massimo un fidanzato occasionale. Avevo Dario e Lisa, i due bambini della famiglia cuore (così li avevamo chiamati) e me li crescevo da sola. A casa mia c’eranoContinua a leggere “Sogni di rock n roll”